Il turismo religioso da sempre attrae visitatori, fedeli e non. Se un tempo i luoghi di culto, chiese, monasteri e santuari erano visitati da pellegrini in cerca della grazia o da artisti bisognosi di ispirazione o chiamati ad affrescare una parete dei suddetti, oggi sono i turisti che affollano i sentieri per recarsi in questi luoghi. Non solo persone che vengono a visitare ed ammirare questi eremi, posti su colli e tra le vallate, magari proprio per vedere le opere di quegli stessi artisti di cui abbiamo parlato prima, ma anche fedeli che vogliono chiedere una intercessione o che hanno bisogno di un conforto spirituale e mentale.
Oggi vi proponiamo un itinerario completabile in una giornata, che vi permetterà di visitare alcuni luoghi sacri posti in Abruzzo, e per la precisione nella provincia di Teramo.
Tappa 1
Iniziamo il nostro viaggio sulla costa, e per la precisione vicino al confine con le Marche, con due paesi che si affacciano sul mare Adriatico: Tortoreto e Giulianova. Queste due cittadine, così come quelle del circondario, sono da anni meta di turismo estivo, alcune famose per la movida ed il divertimento, altre per la tranquillità ed il riposo che offrono, soprattutto alle famiglie. Ma è nelle zone collinari che ci soffermeremo, dove si trovano arroccate le zone più antiche dei due comuni. Abitate fin dalla preistoria, i primi nuclei delle due città risalgono all’epoca romana, per poi avere un successivo sviluppo durante le epoche medievale e moderna.
Il Santuario della Madonna dello Splendore, sito a Giulianova Paese, fu costruito nel luogo in cui, secondo la tradizione, il 22 aprile del 1557 avvenne una apparizione della Vergine Maria. Meta di pellegrinaggi fin da allora, è una delle principali attrazioni turistiche della città, anche grazie al complesso architettonico di cui fa parte. Oltre al santuario, infatti, sono presenti un convento, un museo – usato anche per eventi e concerti – ed un percorso usato durante la Via Crucis, lungo il quale è possibile trovare una fonte, miracolosa apparsa durante una processione.

Read More