Augusto, Carlo Magno e poi …Ottone III.
Perché? Cosa c’entra?
Ora ve lo spiegheremo noi. Intanto introduciamo il personaggio storico di oggi: l’imperatore Ottone III.
Dalla seconda metà del X secolo il Sacro Romano Impero era nelle mani della dinastia degli Ottoni; figlio del precedente imperatore Ottone II e della principessa bizantina Teofano, Ottone III venne incoronato re ad Aquisgrana e succedette al padre già all’età di tre anni (nel 983). Naturalmente dapprima lo stato era sotto la reggenza della madre del giovanissimo sovrano, e alla morte di quest’ultima, nel 991, sotto la tutela della nonna Adelaide di Borgogna. Educato dai migliori maestri (tra i quali va ricordato Gerberto di Aurillac), Ottone III assunse pieno potere soltanto nel 994.
Egli dapprima elesse papa il cugino, che, prendendo il nome di Gregorio V, incoronò Ottone a Roma nel 996. Dopo aver sconfitto gli Slavi in due battaglie nel 997, l’anno successivo tornò alla città eterna perché Gregorio V era stato cacciato a causa delle minacce di Crescenzio Nomentano, un politico di notevole importanza diventato senatore. Infatti Roma, sotto la guida di quest’ultimo, aveva eletto un antipapa, Giovanni Filagatone di Rossano, che, incoronato dallo stesso Crescenzio, prese il nome di Giovanni XVI. Ottone però riuscì a sedare la rivolta, che terminò nel sangue.
Morto misteriosamente Gregorio V nel 999, gli succedette Gerberto di Aurillac (nominato pocanzi) che divenne papa prendendo il nome di Silvestro II. Questo nome venne scelto come tributo, non casuale, a Silvestro I, il papa ai tempi dell’imperatore Costantino che secondo la leggenda avrebbe scritto la famosa Donazione. Questo piccolo excursus non c’entra molto con l’articolo direte voi, ma se continuate a leggere scoprirete invece che non è così.

Read More